Seguici anche qui!  
HOME MUSEO BELFORT E AREE ARCHEOLOGICHE STORIA DI PIURO FRANA PIETRA OLLARE PUBBLICAZIONI E BIBLIOGRAFIA
BELFORT
clicca per ingrandire
HORTUS CONCLUSUS
clicca per ingrandire
CAMPANILE S. ABBONDIO
clicca per ingrandire
MUSEO
clicca per ingrandire
SCAVI
clicca per ingrandire
Viaggio in Polonia sulle tracce di Antonio Pelacini

Piuro-Lezaijsk ottobre 2014 Nei giorni dall8 all11 Ottobre, una delegazione italiana rappresentata dellAssociazione Italo svizzera per gli scavi di Piuro dal comune di Piuro e da altre istituzioni culturali , hanno visitato Lezaijsk, Lublino e Zamosc sulle tracce dei celebri architetti piuraschi. La visita in Polonia stata organizzata dalla nostra Associazione, ma sopratutto grazie allla squisita collaborazione del professor Stanislaw Klosowski di Cracovia che ci ha programmato puntualmente tutto in Polonia. Il professor Stanislaw Klosowski, che ha aperto recentemente questa pagina della nostra storia, sta tuttora studiando presso gli archivi civili ed ecclesiastici polacchi i documenti relativi alle opere architettoniche Chiese e Palazzi legate ad alcuni architetti e costruttori italiani, primo fra tutti Antonio Pelacini di Piuro. Il suo prezioso e determinato lavoro di ricerca, che dura ormai da alcuni anni, ha portato il numeroso delegazione italiana a visitare ed ammirare alcune fra le pi importanti realt polacche: la nota Basilica di Lezaijsk con il convento dei Padri Bernardini annesso, la chiesa parrocchiale e la citt di Lublino, dove negli anni 1603-1607 Jacub Balin, suocero di Antonio Pelacini, fu progettista e costruttore della chiesa dei Padri Bernardini. Proprio in questa citt il professor Stanislaw ha svolto la sua ricerca presso lArchivio di Stato, scoprendo sullatto di cittadinanza polacca, concessa ad Antonio Pelacini, la sua provenienza natale, ovvero Piuro. Ha inoltre documentato la presenza di pi architetti italiani in terra polacca nella prima met del sec.XVII, tra cui Joannes Malinverne da Piuro. Le lunghe ricerche del professore polacco si sono concretizzate, naturalmente in modo ridotto, nella visita di molti ambienti e alla comparazione della Architettura di numerosi edifici, programmando cos un percorso preciso in unarea molto estesa della Polonia dellest, ai confini con lUcraina e alla Lituania e Bielorussia. Non sono mancati gli incontri ufficiali e pi diplomatici, primo fra tutti con il Sindaco della citt di Lezaijsk, Piotre Urban entusiasta ed orgoglioso di custodire nel suo comune unopera grandiosa come quella della Basilica di Antonio Pelacini, Santuario speciale per i fedeli polacchi che conserva un importante organo da 7000 canne. Laccoglienza della delegazione nel Municipio della citt stata davvero grande e gioiosa. Presso la citt di Zamosc, entrata nella lista del Patrimonio Mondiale dellUmanit tutelata dallUnesco, stato poi organizzato un altro importante incontro con il Vice Sindaco nellimponente e bel palazzo municipale rinascimentale. La visita del centro storico e della cattedrale dedicata a San Tommaso Apostolo hanno fatto conoscere un altro grande architetto italiano Bernardo Morando, che progett e costru interamente la citt nella seconda met del Cinquecento. Anche qui tracce riconducibili ai nostri architetti di Valle si possono intravedere nelle decorazioni in stucco dei soffitti della cattedrale e di alcuni corridoi del lungo porticato che circonda la piazza principale. La chiesa visitata poi a Lublino ha ulteriormente rivelato altre analogie con lo stile costruttivo italiano. Il viaggio stato comunque integrato con la visita al castello di Lanct, la visita della chiesa di legno a Brzezciny, dove parroco un fratello del prof. Stanislaw. La chiesa di legno, dallo stile barocco inconsueto e allinterno interamente dipinta. Nelle giornate di arrivo e partenza si avuta la possibilit di visitare i monumenti pi importanti di Cracovia in particolare il chiostro della Chiesa dei Francescani, dove un busto con medaglione ed epitaffio ricorda Giovanni Battista Vertemate di Piuro Uomo illustre per nobilt ma sopratutto per piet e onest nato a Piuro celebre citt dei Reti venuto in Polonia per svolgere i propri affari e morto allet di 45 anni nel 1588 Di particolare effetto stato anche la visita alla Dama con lelmellino di Leonardo da Vinci esposta in questi periodi al museo del Wavel a Cracovia La visita stata piacevolmente e intelligentemente seguita ed allietata dalla presenza della dott.ssa Paulina che ha fatto da interprete al gruppo per tutta la durata del tour. Anche il tempo, straordinariamente caldo e soleggiato, ha reso questo viaggio davvero interessante ed affascinante, tutto allinsegna della scoperta e della raccolta dei piccoli frammenti lasciati dagli architetti italiani della Val Bregaglia, su un percorso appena tracciato, ancora forse allinizio e poco definito, ma sicuramente lungo e grandioso tutto da inseguire. Il prossimo appuntamento annunciato in Carpazia nel giugno 2015 per un convegno organizzato dal prof. Stanislaw Klosowski in collaborazione con il MUZEUM-ZAMEK DI LANCUT e dal suo Direttore Wit K. Wojtowicz. Il tema del convegno sar Limpronta architettonica e artistica portata dagli architetti italiani dove ver evidenziato in particolare limportante contributo dei Piuraschi. LAssociazione italosvizzera per gli Scavi di Piuro Ringrazia il Prof. Stanislaw Klosowski e tutte le persone che hanno contribuito al buon risultato della visita culturale in Polonia.

 
 
 

Torna Indietro
CHI SIAMO
CONTATTI
COME ISCRIVERSI
LINK UTILI
ARCHIVIO NEWS
DOVE SIAMO
clicca per ingrandire

COME RAGGIUNGERCI


Ingrandisci della mappa >

© 2013 - Associazione italo-svizzera per gli scavi di Piuro - Via Nazionale n° 3, 23020 Prosto di Piuro (SO) - C.F. 81004760146 - credits -